sabato 21 maggio 2011

Tamara Soldan jazz Trio


Tamara Soldan, voce
Edu Hebling, contrabbasso
Denis Feletto, pianoforte.

Il mio cuore batte talmente forte che ho paura di disturbare chi mi sta accanto.
Le mani tremano eppure..."Ehi, non sei tu a dover suonare! Rilassati!", dice quella vocina nella mia testa.
Faccio un respiro profondo.
Tutto ha inizio.

Pianoforte e contrabbasso.
Poi entra lei.
Ognuno suona le sue corde,
i primi pezzi sono duri.

Mi rendo conto d'essermi completamente estraniata dal mondo.
Volo sulle note che producono
e chiudo gli occhi e li riapro e sono pieni di lacrime.
Sorrido di fronte all'Arte che vuole avvolgerci.

Tamara suona la sua voce.
Pulita, leggera, perfetta: semplicemente jazz.
Sta improvvisando ed è sola.
Edu è letteralmente abbracciato al suo strumento,
il pianista ascolta il canto con gli occhi.
Il tempo di un minuto, o forse di un'ora.
Non lo so.
Ma quando arriva quella nota le mani riprendono vita,
scrivendo emozioni di Musica nell'aria.

Osservo per un momento il pubblico.
Sembrano tutti musicisti, lo si legge nei loro occhi,
in un sorriso di soddisfatta comprensione.
Penso che non vorrei più andarmene da lì.
Vi prego! Devo potervi contemplare.

L'ultimo pezzo. 
Applauso.
Ora sì, l'ultimo pezzo.

Non riesco ad alzarmi,
non riesco a realizzare pensieri che abbiano un senso.
M'infastidisco per le persone che cominciano a parlare, ad uscire dalla sala.
Non voglio distrazioni, mi sembra di dover aspettare i titoli di coda 
dopo un film troppo bello che non avrei voluto finisse.

Il ritorno alla realtà.
Mi chiedono perché sono così cupa.
Non è tristezza, no.
La gioia è talmente immensa...
io non riesco ad esprimerla.


V.

11 commenti:

  1. ...ripensare a ieri!
    Leggere queste parole: BRIVIDI!

    RispondiElimina
  2. Mentre leggevo, il cuore mi batteva forte.
    E non sono nemmeno stata lì, come te, tra il pubblico.
    Non so immaginare altro.
    Non voglio sciupare questa bellezza.

    RispondiElimina
  3. Iniziare la giornata leggendo parole come queste è un privilegio che non sono sicuro di meritare, ma che grazie a te posso assaporare in tutta la sua pienezza.
    Aggrappati a quelle sensazioni. Con tutta la tenacia di cui sei capace. Perchè sono quelle le sensazioni che ci tengono in vita..
    Quel vago alone d'ombra dettato da eccessiva gioia, lo hai descritto come meglio non avresti potuto. Sai esprimerle (in corsivo) le tue emozioni. Noi, le abbiam vissute con te!

    RispondiElimina
  4. voglio solo dirti che è interessantissimo, nonché emozionante il modo in cui ha raccontato questo concerto...sembrava di sentirne la musica...

    RispondiElimina
  5. Wow veramente, bravissima!!! Sembra di stare lì!

    RispondiElimina
  6. Complimenti...lo hai raccontato in un modo molto particolare, brava davvero..

    RispondiElimina
  7. hai semplicemente descritto con naturalezza uno dei miei sogni nel cassetto... leggendo mi batteva forte il cuore! Dev'essere stato incredibile quel concerto.. e mi ha ricordato molto le sensazioni che ho provato io ad uno spettacolo di musica blues incredibile... chitarra acustica, contrabbasso e voce... dio che sogno sarebbe! Chissà magari un giorno... :)

    RispondiElimina
  8. @Barbara: è stato un piacere condividere questo meraviglioso concerto con un'amica musicista ;) Grazie!

    @Veronica: ogni volta i tuoi commenti mi disarmano, lasciandomi commossa. Grazie, di cuore.

    @Ser Vlad: che siate riusciti a vivere con me un momento tanto speciale, attraverso le mie parole, è un qualcosa che mi riempie di gioia. E di gratitudine, perché con voi so di poter condividere le mie emozioni, so che le sentite (in corsivo). E' un privilegio sapere che qualcuno legge ciò che scrivo. Che poi mi vengano lasciati questi commenti...bè, non posso chiedere davvero nulla di meglio. Grazie!

    RispondiElimina
  9. @il_cesco: grazie mille d'essere passato! Da quanto ho capito pure tu sei piuttosto appassionato dell'arte in questione :) E allora...doppiamente grazie, le tue parole mi hanno resa felice!

    @Laura: grazie grazie e grazie! Quel "sembra di stare li" è il complimento più bello che potessi farmi!

    RispondiElimina
  10. @Artemisia: ti ringrazio moltissimo! Mi fanno moltissimo piacere i tuoi complimenti! Gentilissima!

    @Giulia: attendevo proprio il commento di un'appassionata :) A breve posterò anche qualcosina sul blues, un altro dei miei generi favoriti! Non perdere la fiducia, le belle occasioni si presentano sempre quando meno te le aspetti, no?! ;) Grazie d'essere passata!

    RispondiElimina
  11. Grazie mille del commento!ne ho fotografati altri con colori diversi! ciao

    RispondiElimina